“Non sono stati Hitler o Himmler a deportarmi, picchiarmi, ad uccidere i miei familiari. Furono il lattaio, il vicino di casa, il calzolaio, il dottore a cui fu data un’uniforme e credettero di essere la razza superiore.”

(Karel Stojka, sopravvissuto ad Auschwitz)

Articolo precedentePericle: Amiamo il bello con sobrietà
Articolo successivoSaggio sulla stupidità di Bonhoeffer