Tu, Signore, sei sempre un vivente per me,
Sebbene non ti abbia mai visto con i miei occhi,
Né ti abbia mai ascoltato con le mie orecchie.
Tu sei presente nella mia vita
Più di mio padre e di mia madre,
Che sono la mia stessa carne.
Essi sono morti, e ci siamo divisi
Per sempre quaggiù,
Eppure vivono realmente in me per mezzo tuo.
Essi vivono in me perché vissero in te.
E ore continuano a vivere  per te attraverso me,
Perché la mia fedeltà verso te
È la graduale attuazione della loro fedeltà.
Signore, tu sei un vivente per me
Grazie a quella eredità, trasmessa dalla nascita,
Di un amore balbettante,
Che si trasmette di età in età,
Si perpetua di generazione  in generazione,
Affinché il nostro amore
Sia degno del tuo per noi.
Marcel Légaut – Da aurora
Back to Top