Il giorno 22 settembre 2002 nella descrizione della quotidianità delle sue azioni don Giovanni Simonetti ha scritto:
Questa cronaca è fatta di piccoli quotidiani avvenimenti, raramente esprimo le mie riflessioni, che passo a quel lettore, se mai nascerà: si renderà conto, anche se parliamo continuamente di eventi sublimi, di speranze deluse o di successi mancati: negli incontri si parla di tutto: di prospettive, di programmi… siamo più portati a notare i difetti che ad esaltare i pregi.
… Qui in Recanati si vive giorno per giorno nella mediocrità felice di fronte alle cronache tremende del grande mondo, che invia fatti e situazioni tremende di morte.
E il 30 maggio 2002:
…Pare di vivere in un modo astratto fuori del tempo e della cronaca, in compagnia di parole pronunciate da secoli, accompagnate da un incuriosito canto d’uccelli…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui