Chi sono io? Spesso mi dicono
Che esco dalla mia cella
Disteso, lieto e risoluto
Come un signore dal suo castello.
Chi sono io? Spesso mi dicono
Che parlo alle guardie
Con libertà, affabilità e chiarezza
Come spettasse a me di comandare.
Chi sono io? Anche mi dicono
Che sopporto i giorni del dolore
Imperturbabile, sorridente e fiero
Come chi è avvezzo alla vittoria.
Sono io veramente ciò che gli altri dicono di me?
O sono soltanto quale io mi conosco?
Inquieto, pieno di nostalgia, malato come uccello in gabbia,
Bramoso di aria come mi strangolassero alla gola,
Affamato di colori, di fiori, di voci d’uccelli,
Assetato di parole buone, di compagnia
Tremante di collera davanti all’arbitrio e all’offesa più meschina,
Agitato per l’attesa di grandi cose,
Preoccupato e impotente per 1’ amico infinitamente lontano,
Stanco e vuoto nel pregare, nel pensare, nel creare,
Spossato e pronto a prendere congedo da ogni cosa?
Chi sono io?
Oggi sono uno, domani un altro?
Sono tutt’e due insieme? Davanti agli uomini un simulatore
E davanti a me uno spregevole vigliacco?
Chi sono io? Questo porre domande da soli è derisione.
Chiunque io sia, tu mi conosci, o Dio, io sono tuo!
(Dietrich Bonhoeffer, da Resistenza e Resa  Lettere e scritti dal carcere, edizioni paoline)
Dietrich Bonhoeffer è stato un teologo luterano tedesco, protagonista della resistenza al Nazismo.
Back to Top