Rosario Livatino, Giustizia

Il compito del magistrato è quello di decidere. Orbene decidere è scegliere e a volte tra numerose cose, o strade o soluzioni e scegliere è una delle cose più difficili che l’uomo sia chiamato a fare.

Ed è proprio in questo scegliere per decidere, decidere per ordinare, che il magistrato credente può trovare un rapporto con Dio, un rapporto diretto perché il rendere giustizia è realizzazione di sé, è preghiera, è dedizione di sé a Dio, un rapporto indiretto per il tramite dell’amore verso la persona giudicata.

Rosario Livatino, conferenza tenuta a Canicattì nel 1986

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Charles Péguy: Il mistero della carità

“Non occorre che un acciarino per bruciare una fattoria. Occorrono degli anni per costruirla. Ci vogliono mesi e mesi, c’è…

Frate indovino: Amabilità

Sorridi spesso durante le difficoltà quotidiane Taci quando t’accorgi che qualcuno ha sbagliato Elogia chi ha operato il bene Partecipa al gioco dei fanciulli…