Home Marche MONTEFANO – PROVERBI E DETTI

MONTEFANO – PROVERBI E DETTI

1070
0

Riportiamo qui di seguito un lungo elenco di proverbi dettati dalla tradizione popolare:

Il medico pietoso fa la piaga verminosa.
Mej’o cacciasse un occhio che magna un vermine de finocchio.
Non essere capace de tira fora un ragno da un buco.
I bardasci e i puji sporcano casa.
Quanno è tanti galli a canta non se fa mai giorno.
pulito come o bastò de o pujà.
Chi se scallò campò, chi non se ne scallò crepò.
La pulenta presto tira e presto ‘llenta.
Chi parla in faccia non è traditore.
l’ovo pento è bono anche dopo Pasqua
Natale con i tuoi, La pasqua con chi vuoi.
La notte de Natà tutte e bestie su parla.
La predica e la pulenta è fatta pe’ i cuntadì.
Se magni a pulenta e ce bevi l’acqua, alza la coscia che a pulenta scascappa
O poro contadi fatiga e stenta, o mejo pasto sua è la pulenta.
I carabinieri co’ e manette, i preti con l’inferno tiene o monno fermo. St’anno sbrosciolosa,
n’artr’anno sposa.
Rivesti un bastò, pare un paò.
Le vasse pe’i mariti, le arde pe’ccoje i fichi.
La fija de sora Camilla, tutti a vole nisciuno a pija.
O sole de marzo o te tegno o te mmazzo.
La donna è come la castagna, bella fora, drento la magagna.
Dio ce scampi dell’acqua, de o foco, e de o vento, de i frati fòri da o co vento, de o vi’ che puzza de muffa, de a donna che porta a cuffia;
le donne la porta tutte, tanto le velle come le vrutte.
Un bacio non fa un buscio.

Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore. Chi c’ha la fortuna in amore non giochi a carte. L’amore e a tosse non se ‘nguaccia.
A lassa stà jé se portò via la moje.

Moje e bovi pijali ai paesi tuoi.
Dio i fa poi l’accoppia.
0primo anno baci e bacetti, o seconno anno merda e piscio, o terzo anno cancri e malanni.
Chi pija moje pija guai, chi no’ a pija più che mai. Chi moje non ha, dorme co’a vicina.
Socera e nora, tempesta e grandine.
1parenti è cend ‘ottanta, n’accidenti a o primo che campa. A moje de bona razza, prima a femmina poi o maschio. Chi ‘llea un porco o ‘llea grasso, chi ‘llea un fijo o ‘llea matto. Anche e cioette dice che è belli i fij sui.
O bongiorno se conosce dalla mattina.
‘Na madre è bbona pe’cento fij;cento fij non è bboni pe’na madre.
I fij de i gatti pija i sorci.
Chi conta l’anni fa i conti co’ a morte.
Crescono l’anni e crescono i malanni.
Quanno o gallo canta a gajna, la casa va in rovina.
Quanno o lepre va dietro a o cà, quanno o monte da a magnà a o pià quanno a donna bastona a o marito, semo ridotti a mal partito.
Se magneria un bò coi corni e tutto
Tenga callo e rida gente.
I sòrdi manna l’acqua per d’insu

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.