CONDIVIDI

Nulla è più tormentoso della vibrazione del cuore che teme di perdere un amato.

Essa diventa inquietudine dominante, crea un insopportabile presentimento di fine.

È lo stato d’animo dei discepoli, smarriti dopo le parole di Gesù che vuole prepararli
al distacco del Calvario.

Mons. Giuseppe Pollano