Home Pensieri LA SPINA DELLA NOSTALGIA

LA SPINA DELLA NOSTALGIA

1
0
CONDIVIDI

LA SPINA DELLA NOSTALGIA

Tutti riceviamo un dono Poi non ricordiamo più Né da chi né che sia. Soltanto ne conserviamo Pungente e senza condono La spina della nostalgia.

Giorgio Caproni (1912-1990)

RICONOSCENZA

Nella maggioranza degli uomini la gratitudine è solo un desiderio velato di ricevere maggiori benefici.

Rochefoucauld

IL PUDORE

ll sentimento del pudore consiste In un ritorno dell’individuo su se stesso. Volto a proteggere il proprio sé profondo Della sfera pubblica.

Max Scheler (1874-1928) da “Pudore e sentimento”

CERCARE

Come puoi cercare ciò che non hai perso, E ciò che non conosci per nulla?. Se l’anima cerca Dio è perché lo conosce.

Silvano dell’Athos (1866-19389)

TRE CATEGORIE

Non ci sono che tre categorie di persone: quelle che servono Dio perché l’hanno trovato, quelle che si impegnano a cercarlo perché non l’hanno trovato quelle che vivono senza cercarlo né averlo trovato. Le prime sono ragionevoli e felici; le ultime sono folli e infelici; quelle di mezzo sono infelici e ragionevoli.

Pascal (1523-1669) Dai “ Pensieri” N° 257 Brunschvicg

CONTINUA AD AGIRE

Ciò che il Signore Gesù non ha potuto realizzare nei limiti del suo corpo
 sensibile e materiale, lo realizza attraverso il suo corpo mistico,
 nella moltitudine di coloro che gli appartengono e attraverso i quali
 egli vuol continuare ad agire e a rivelarsi.

COLUI CHE NELLE PAROLE DI GESÙ SCOPRE IL REGNO, riconoscendolo come tesoro
 nascosto e perla preziosa, proverà un tale entusiasmo che lo farà capace
 di sacrificare le sue passate sicurezze.
 Tale fu l’esperienza di Paolo, che lasciò perdere tutte le sue certezze,
 al fine di giungere a Cristo.

C. Tassin

L’OBLIO E RICORDO

L’oblio è una difesa Bisogna ricordare la verità del passato per poter vivere.

Finn Carling, scrittore norvegese

UN BEL VECCHIO

Nell’oriente si ama la vecchiaia Si pensa sia fatta per pregare. Quando si è vecchi Si avverte Dio vicino Attraverso la parete sempre più sottile della vita biologica si diventa come un bambino cosciente che si affida al Padre, si sente alleggerito dalla prossimità della morte, trasparente a un’altra luce… Per questo ogni monaco nel quale l‘ascesi Ha portato il suo frutto è chiamato in Oriente “un bel vecchio”. Bello della bellezza che sale dal cuore.

Olivier Clement, 82 anni, teologo ortodosso francese Dalla “Preghiera del Cuore”

PECCATO PREDILETTO

Il demonio sorrise, perché il suo peccato prediletto è l’orgoglio che scimmiotta l’umiltà.

Samuel Coleridge ( 1772-1834)FANTASIA