Il Papa Francesco chiede perdono ai rom: vedere la persona prima dei pregiudizi

427
0

Durante il suo recente viaggio in Romania e nell’incontro a Blaj con la comunità rom del quartiere Lautaro, Papa Francesco ha chiesto scusa per le discriminazioni e le segregazioni subite e ha invitato il popolo rom ad aprirsi agli altri e a condividere i propri doni.

Chiedo perdono – in nome della Chiesa al Signore e a voi – per quando, nel corso della storia, vi abbiamo discriminato, maltrattato o guardato in maniera sbagliata, con lo sguardo di Caino invece che con quello di Abele, e non siamo stati capaci di riconoscervi, apprezzarvi e difendervi nella vostra peculiarità.

L’indifferenza di Caino per il fratello, alimenta infatti i pregiudizi, fomenta rancori, crea distanze:

Quando qualcuno viene lasciato indietro, la famiglia umana non cammina. Non siamo fino in fondo cristiani, e nemmeno umani, se non sappiamo vedere la persona prima delle sue azioni, prima dei nostri giudizi e pregiudizi.

Il Pontefice si è rivolto direttamente ai presenti e al popolo rom in generale:

Voi come popolo avete un ruolo da protagonista da assumere e non dovete avere paura di condividere e offrire quelle specifiche caratteristiche che vi costituiscono e che segnano il vostro cammino, e delle quali abbiamo tanto bisogno: il valore della vita e della famiglia in senso allargato (cugini, zii, …); la solidarietà, l’ospitalità, l’aiuto, il sostegno e la difesa dei più deboli all’interno della loro comunità; la valorizzazione e il rispetto degli anziani, un grande valore che voi avete; il senso religioso della vita, la spontaneità e la gioia di vivere.

Infine Papa Francesco ha rivolto al popolo rom il seguente invito:

Desidero invitarvi a camminare insieme, lì dove siete, nella costruzione di un mondo più umano andando oltre le paure e i sospetti, lasciando cadere le barriere che ci separano dagli altri alimentando la fiducia reciproca nella paziente e mai vana ricerca di fraternità. Impegnarsi per camminare insieme, con la dignità: la dignità della famiglia, la dignità di guadagnarsi il pane di ogni giorno – è questo che ti fa andare avanti – e la dignità della preghiera.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.