Home Pensieri Interventi e Notizie Il Papa agli ortodossi: la misericordia di Dio è ciò che ci...

Il Papa agli ortodossi: la misericordia di Dio è ciò che ci unisce

3
0
CONDIVIDI

La “memoria” dell’esperienza di “perdono e grazia” di Pietro e Paolo, Santi Patroni della Chiesa di Roma, con le loro vite segnate dal peccato prima e dalla misericordia dopo, “accomuna tutti i credenti in Cristo”. Lo ha detto il Papa ricevendo, alla vigilia della festa dei due Apostoli, la delegazione del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli.

“Se, come cattolici e ortodossi, vogliamo proclamare insieme le meraviglie della misericordia di Dio al mondo intero, non possiamo conservare tra noi sentimenti e atteggiamenti di rivalità, di sfiducia, di rancore. La misericordia stessa ci libera dal peso di un passato segnato da conflitti e ci permette di aprirci al futuro verso il quale lo Spirito Santo ci guida”.

Il Papa torna quindi con la memoria alla recente visita ai profughi e migranti del campo di Moria, sull’isola greca di Lesbo:

“Guardare la disperazione sul volto di uomini, donne e bambini incerti sul loro destino, ascoltare impotenti il racconto delle loro sventure e fermarsi in preghiera sulla riva di quel mare che ha inghiottito la vita di tanti esseri umani innocenti è stata un’esperienza molto commovente, che ha confermato quanto vi sia ancora da fare per assicurare dignità e giustizia a tanti fratelli e sorelle”.

Il Papa ha sottolineato la responsabilità comune di cattolici e ortodossi, nei confronti di chi ha bisogno, con le seguenti parole:

“Assumere insieme tale responsabilità è un dovere che tocca la credibilità stessa del nostro essere cristiani. Incoraggio perciò ogni forma di collaborazione tra cattolici e ortodossi in attività concrete al servizio dell’umanità sofferente”.

28 luglio 2016 – fonte: Radio Vaticana