Home Pensieri Dammi sensi puri per vederti, o Signore

Dammi sensi puri per vederti, o Signore

2
0
CONDIVIDI

Sensi d’Amore

Dammi sensi puri per vederti, o Signore. Dammi sensi umili per udirti. Dammi sensi d’amore per servirti. Dammi sensi di fede per dimorare in te.

DAG HAMMARSKJÖLD

L’ORA DELLA MORTE

Quando diciamo che l’ora della morte è incerta, rappresentiamo quell’ora come situata in uno spazio vago e lontano. Essa non ha per noi nessun rapporto con la giornata già iniziata… Per noi è impossibile che accada proprio questo pomeriggio in cui l’impiego di tutte le ore è già stato tutto ben definito.

MARCEL PROUST NEI GUERMANTES

LA PAURA

Anche la paura, malgrado tutto, è figlia di Dio, riscattata il Venerdì santo. Non è bella a vedersi, no; e c’è chi se ne fa beffe, chi la maledice e tutti la ripudiano… Però non lasciatevi ingannare da questo: essa è al capezzale di ogni agonia e intercede per l’uomo.

GEORGES BERNANOS

LA SPERANZA

La Fede è quella che tiene duro nei secoli dei secoli. La Carità è quella che dà se stessa nei secoli. Ma è la piccola Speranza che si leva tutte le mattine… La Fede è una cattedrale radicata nel suolo di un paese. La Carità è un ospedale che raccoglie tutte le miserie del mondo. Ma senza Speranza, tutto questo non sarebbe che un cimitero.

CHARLES PÉGUY

IL PESCATORE E IL CACCIATORE

Come il pescatore, quando ha gettato la rete, fa rumore nell’acqua per convogliare il maggior numero di pesci nel suo cammino, come il cacciatore circonda con la schiera dei battitori il terreno e snida la selvaggina spingendola dove potrà meglio colpirla, così anche Dio che vuol essere amato discende con l’inquietudine a caccia dell’uomo.

SOEREN KIERKEGAARD

I PROGETTI

Il risultato positivo dei progetti programmati con cura è sempre scambiato per fortuna dagli stupidi.

DASHIELL HAMMETT

I progetti sono promesse che la fantasia fa al cuore; e il cuore non rifiuta mai questi regali pericolosi.

JEAN-LOUIS VAUDOYER (1883-1963) 

LE STATUETTE DI CRETA 

Cipriano Algor entrò nella fornace e prese dagli scaffali le statuette difettose che aveva radunato lì. Le riunì alle loro sorelle ben fatte e sane: con la pioggia si trasformeranno in fango, e poi in polvere quando il sole le asciugherà. Ma questo è il destino di ognuno di noi.

JOSÈ SARAMAGO 

LA STORIA DI OSCAR 

Negli ultimi tre giorni, Oscar aveva posato un biglietto sul suo comodino. Credo che ti riguardi. Ci aveva scritto: «Solo Dio ha il diritto di svegliarmi».

O COME UNO ZINGARO

L’uomo deve destarsi dal suo sonno millenario per scoprire la sua completa solitudine, la sua assoluta stranezza. Egli ora sa che, come uno zingaro, si trova ai margini dell’universo in cui deve vivere. Un universo sordo alla sua musica, indifferente alle sue speranze, alle sue sofferenze, ai suoi crimini.

JACQUES MONOD (1910-1976). 

CONVERSAZIONE 

Lo spirito della conversazione consiste non tanto nel dimostrarsi spiritosi, ma nell’aiutare gli altri a dimostrarsi tali. Chi vi lascia, dopo una conversazione, contento di sé e del suo spirito, lo sarà anche di voi.

JEAN LA BRUYÈRE (1645-1696). 

TRE FORZE 

Ci sono sulla terra tre forze, tre sole forze capaci di vincere e conquistare per sempre la coscienza degli uomini, esseri deboli e ribelli, per la loro stessa felicità, e queste tre forze sono: il miracolo, il mistero e l’autorità.

Dostoevskij, I FRATELLI KARAMAZOV 

PECCATI ORRIBILI 

Orribil furono li peccati miei;/ ma la bontà infinita ha sì gran braccia,/ che prende ciò che si rivolge a lei. 

DANTE, PURGATORIO (III, 121-123) 

ODIARE 

Poche persone riescono ad essere felici senza odiare qualche altra I odiamo qualcuno, odiamo nella sua immagine qualcosa che sta dentro di noi.

BERTRAND RUSSELL (1872-1970) 

FLUIDITÀ

Donami anche per oggi il buonumore,/ l’ilarità vincente dei bambini/ prossimi al pianto,/ quasi non ci fosse differenza/ nella dolce demenza, nell’insieme./ È la fluidità/ l’arte del cuore/ che m’insegni lo scorrimento/ a vuoto.

MARCO GUZZINI, Nella mia storia Dio