Custodiamo la parola «risurrezione»

Custodite la parola «risurrezione», anche se supera, come supera, ogni vostra capacità di immaginazione e persino le vostre più ardite speranze. Custodite la parola «risurrezione» e il segreto che essa racchiude. Perché la risurrezione è un segreto. Il mondo non ne sa nulla. Solo i discepoli ne erano al corrente. Ma attraverso i secoli abbiamo talmente sbandierato questo fatto, che non sappiamo più che è un segreto, il segreto del mondo e dell’intera vicenda umana. Un segreto non da nascondere, certo, ma neppure da sbandierare come se fosse nostro anziché di Dio. Piuttosto siamo chiamati a vivere questo segreto come potenza di cose nuove nella storia.

Siamo chiamati a vivere il segreto della risurrezione come potenza di insurrezione, certo, che ricrea il mondo rendendolo giusto, ma anche come potenza di perdono, che ricrea il mondo rendendolo innocente, e come potenza di riconciliazione, che ricrea il mondo rendendolo fraterno, e come potenza di pace, che ricrea il mondo rendendolo umano – mondo di uomini e non di belve, un luogo per vivere e non per morire. Custodiamo la parola «risurrezione» e non scambiamola con nessun’altra. Custodiamo il segreto che essa racchiude e ad un tempo rivela: credere in Dio e credere nella risurrezione è proprio la stessa cosa.

(G. CRESPI, Croire aujourd’hui, Paris 1970)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Dagli scritti di Sant’Antonio di Padova

Senza Dio non sai più vivere, se non rimani nella morte. La nostra fede ha le radici nel Cristo morto…

Il messaggio per la Pasqua Ortodossa di Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo

B A R T O L O M E O PER GRAZIA DI DIO ARCIVESCOVO DI COSTANTINOPOLI – NUOVA ROMA…